Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

ACTIVE

  Lago D'Iseo -  by Studio Sbardolini - Altezza stazione 90m - 06:21:27 - 28/04/2017

News Richiedi Vedetta per la Tua Location.   |  Aumentare la visibilita' e dare un servizio ,oggi sono componenti importanti .Scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Puoi chiamarci al  +39.331.38.10366 oppure   +39.380.777.25.96 restiamo a disposizione per tutti i chiarimenti. ----  #webcam #meteo # infowind---- Informazioni : L' App per Iphone e' in  costruzione , mentre quella per Android  e' disponibile. 

    Il lago d'Iseo o Sebino (Lach d'Izé o Sebì in lombardo) è un bacino lacustre dell'Italia Settentrionale, situato in Lombardia.

    Ha come principale immissario ed emissario il fiume Oglio. Ha una superficie di 65,3 km² e una profondità massima di 251 metri (5° per profondità in Italia). È situato a 180 m di quota nelle Prealpi, posto in fondo alla Val Camonica; si incunea tra le province di Bergamo e di Brescia e ospita la più grande isola lacustre naturale dell'Italia nonché la più alta isola lacustre d'Europa: Monte Isola, cui fanno da satelliti a nord e a sud i due isolotti di Loreto e di San Paolo. Inoltre contiene piu di 500 specie animali differenti tra cui il pesce topo.

    Geologia[modifica | modifica wikitesto]

    Settanta milioni di anni fa la superficie del suolo era molto più in alto, perché sulle rocce, che oggi vediamo, giaceva una coltre di altre rocce, dello spessore di almeno 5000 m e più. Le montagne di allora avevano un andamento del tutto diverso da quello attuale e costituivano una serie di catene parallele, intervallate da profonde vallate.

    Le rocce di cui sono costituite le montagne che contornano il lago d'Iseo si sono formate nell'era secondaria, tra i 230 e i 70 milioni di anni fa, a strati, per consolidamento delle fanghiglie che si erano depositate in un antico mare posto in una zona oggi corrispondente allo spazio tra l'Europa centrale e il centro dell'Africa.

    I primi segni di vita umana sul lago d'Iseo sono alcuni ritrovamenti fatti a Sarnico di resti di palafitte che confermano una presenza preistorica, mentre al nord del lago d'Iseo, in Val Camonica erano attestati i Camuni. Dalle pianure salgono verso nord gli Etruschi e i Celti fino alla conquista romana. Dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente, si susseguono le invasioni barbariche e varie dominazioni, tra cui quella longobarda. Nel 774 Carlo Magno occupa la Val Camonica e parte del lago d'Iseo, facendone donazione ai monaci di Tours. Nel 1161 Federico Barbarossa scende dalla Val Camonica e il 12 giugno espugna, saccheggia e incendia Iseo. La zona vivrà successivamente le lotte continue tra guelfi e ghibellini. Segue nel 1428 l'intervento della Repubblica di Venezia e la sua occupazione dell'intera zona del lago e della valle, a cui segue un periodo di pace fino al 1509. Nel 1797, con la fine della dominazione veneziana, la Val Camonica e Pisogne vengono assegnate al dipartimento del Serio ed unite a Bergamo. Ritorneranno a far parte della provincia di Brescia nel 1859, quando, sconfitte le truppe austriache a San Martino e a Solferino, il territorio viene riunito con il resto della Lombardia al regno di Sardegna, prima tappa dell'unità d'Italia.

    Tendenza a 15 giorni: Tendenza METEO PONTE PRIMO MAGGIO - ecco gli ultimi aggiornamenti per l'Italia:

    Sabato: la perturbazione in allontanamento rinnoverà gli ultimi annuvolamenti sull'estreme regioni meridionali ma con tendenza a miglioramento da Nord. Bel tempo, invece, sul resto dello Stivale con cieli in prevalenza sereni o poco nuvolosi

    Domenica: bel tempo prevalente anche se con nuvolosità in parziale aumento nella seconda parte della giornata tra Nordovest, Alpi orientali e alto versante tirrenico ma ancora senza fenomeni degni di nota. Solo velature o locali stati in transito altrove.

    1° maggio: giornata ancora incerta e quindi soggetta a nuovi cambiamenti nel corso dei prossimi giorni. Secondo i principali modelli un fronte dovrebbe lambire le nostre Alpi portando piogge e nevicate su Alpi e Prealpi e qualche locale fenomeno anche tra Val Padana centro occidentale e alto versante tirrenico. Ancora bello, invece, sul resto del Paese.